Nuovo Codice della strada, multe a rate e tempi di spedizione ridotti

Nuove regole per l’uso dei rilevatori di velocità, tempi più brevi per spedire le multe, possibilità per i sindaci di rateizzare le sanzioni.
Sono queste alcune delle novità finora approvate dalla commissione lavori pubblici del Senato che si sta avviando ad approvare il disegno di legge di riforma del Codice della strada.

In sintesi vediamo cosa cambierà.
Dispositivi automatici. Le infrazioni ai semafori, dei limiti di velocità, della circolazione sulle strade rilevate da mezzi automatici, potranno procedere senza la contestazione immediata solo se omologati per il funzionamento in modalità completamente automatica e a condizione che siano gestiti direttamente dalla polizia stradale.

Notifiche. E’ prevista la riduzione da 150 a 60 giorni del periodo concesso agli organi accertatori per la notificazione postali delle violazioni a casa del trasgressore o del proprietario del veicolo.

Multe a rate. Ridotto a 200 euro l’importo della sanzione oltre il quale potrà scattare per l’interessato la possibilità di chiedere la rateazione del pagamento.

Pagamento immediato. Dovrà pagare subito la multa il conducente titolare di patente C, C+E, D o D+e che nell’esercizio dell’attività di trasporto di persone o cose compie le seguenti violazioni:
- eccesso di velocità di oltre 40 e 60 km/h;
- sorpasso vietato;
- eccedenza del carico superiore al 10% della massa complessiva a pieno carico;
- inosservanza dei periodi di guida e riposo.

Biciclette in sosta. In mancanza di idonee strutture le biciclette potranno sostare sui marciapiedi e all’interno di aree pedonali a condizione che non rechino intralcio ai pedoni.