Titoli Italia

Per le ex caserme il congedo è rimandato. Gli immobili vuoti della Difesa non si toccano

Dalle caserme agli arsenali, dai poligoni alle piazze d'armi, dai depositi munizioni ai bunker... Oltre 200 beni del valore stimato di 1 miliardo inutilizzati nonostante i reiterati piani per la loro messa a frutto

Pubblicato il in Soldi

caserme dismissioni
Fonte: AgenziaDemanio.it
'La gara per la dismissione delle caserme del ministero della Difesa subisce l'ennesimo stop'. Lo comunica un lancio dell'agenzia Radiocor, riferendosi all'ennesimo rinvio della gara per la cessione degli immobili del ministero della Difesa, non più necessari per uso militare.

Secondo quanto previsto dalla Finanziaria del 2007, l'ammontare totale delle 'dismissioni' della Difesa corrisponde a 4 miliardi di euro. Gli immobili avrebebro dovuto essere trasferiti dal dicastero delle forze armate all'Agenzia del Demanio in 4 tranche, ciscuna del valore stimato di circa 1 miliardo di euro. Così è stato per un primo 'lotto' di 201 beni, tra caserme e arsenali, poligoni, piazze d'armi, depositi munizioni, ex ricoveri anti aerei e bunker, dislocati dal nord al sud della Penisola e spesso situati nel centro dei principali Comuni italiani.
Le sgr immobiliari preselezionate avrebbero infatti dovuto ricevere entro il 30 maggio una lettera d'invito alla gara, invece sono state informate della sua sospensione per sei mesi.
Manca un "piano definito di valorizzazione", spiega il Demanio ai soggetti interessati, per giustificare il rinvio.
La dismissione del patrimonio immobiliare della Difesa è oggi un tema di stringente attualità, rilanciato dal piano della Spending Review, che prevede tra gli altri interventi l'ottimizzazione dell'uso degli immobili pubblici. Ma... 'Ci provano inutilmente dal 1992', scrive uno sconsolato Sergio Rizzo sulle pagine del Corriere, per descrivere un'operazione sempre più simile all'Araba Fenice (parafrasando Da Ponte, che vi sia ciascun lo dice, quando sia nessun lo sa).

La più meridionale è la Caserma Rossani a Bari, le più settentrionali sono le caserme Tasso e Fanuzzi di Belluno. Tra le altre, a Peschiera del Garda le caserme La Rocca e XXX Maggio, a Bergamo le caserme Scotti e Flores, a Treviso la caserma Salsa, a Firenze le caserme Vittorio Veneto e De Laugher, a Sesto Fiorentino la caserma Guarieri, a Napoli l'ex arsenale. Ci sono beni di grandi dimensioni come l'ex Polveriera di Mompiano a Brescia (quasi 500mila metri quadrati), in una zona di alto valore paesaggistico;  l'ex deposito munizioni di Porotto, all'interno della cerchia muraria che perimetra il centro storico di Ferrara; la Caserma Paolini, un elegante edificio nel centro storico di Fano.  Potrebbero diventare altrettanti centri sportivi, posteggi, parchi gioco, uffici pubblici, biblioteche... Il catalogo della 'Demanio Real Estate' è opulento, ma il destino di un simile tesoro di Stato rimane ignoto. In attesa del 'piano di valorizzazione'.